Category

NEWS

COME INVESTIRE IN BITCOIN

By | NEWS | No Comments

Una guida all’acquisto sicuro

La negoziazione di Cryptovaluta contro moneta avviene tramite degli intermediari finanziari chiamati EXCHANGER.

La legislazione di molti paesi ancora non si è adeguata all’inclusione di tale intermediari pertanto vi è molta incertezza sul grado di vigilanza a cui sono soggetti oltre che sulla stessa natura di questi soggetti.

In Italia un exchanger è equiparato a tutti gli effetti a un intermediario cambiavalute. Pertanto gli intermediari basati in Europa o in US sono tenuti alla verifica della clientela e agli obblighi delle normative antiriciclaggio. Questo significa che l’Exchanger, alla registrazione, chiederà una copia di un documento di identità ed una prova di residenza.

Per motivi di affidabilità legale ed operativa si consiglia di utilizzare sempre exchanger con volumi di scambi elevati e di comprovata trasparenza e reputazione.

Nella scelta dell’exchanger va considerata la liquidità garantita, il costo delle transazioni, la sicurezza, la trasparenza e la facilità di utilizzo.

GLI EXCHANGER

Coinbase è il più grande exchanger a livello globale ed ha acquisito una grande importanza anche nella community di sviluppo di bitcoin. Accetta bonifici SEPA o pagamenti con carta di credito.
Fee:
Ordini acquisto/vendita: 1,49%
Acquisti con carte: 3,99%

Kraken è un exchanger americano di comprovata affidabilità e costi contenuti. La liquidità è molto elevata. Non accetta depositi con carte di credito.
Fee:
Ordini acquisto/vendita: 0,26%
Acquisti con carte: non accettate
Bonifici sepa In: gratis; Out: 0,09€

Bitstamp è il primo exchanger europeo ad aver ricevuto un’autorizzazione dalle autorità lussemburghesi. La liquidità è molto elevata ed è considerato un provider di prezzo molto affidabile.
Fee:
Ordini acquisto/vendita: 0,25%
Acquisti con carte: 5%
Bonifici sepa In: gratis; Out: 0,90€

OPERATIVITA’.

Per la registrazione presso un exchanger serve solamente una mail.
Per gli obblighi di verifica della clientela l’exchanger chiederà:

  1. La foto di un documento d’identità valido
  2. Una qualsiasi comunicazione bancaria o bolletta di utenza comprovante l’indirizzo di residenza del titolare.

Per effettuare il deposito di valuta presso l’exchanger si dovrà fornire l’indirizzo IBAN di un conto intestato al titolare. Gli exchanger non accettano accrediti da terzi rispetto al titolare del conto aperto presso di loro.

Il processo di verifica potrebbe durare alcuni giorni.

Al termine per depositare presso l’exchanger basterà eseguire un bonifico SEPA (estero) dal proprio conto, solitamente con questa procedura:

  1. Dal sito dell’exchanger si segnala che si vuole effettuare un deposito SEPA per un determinato importo.
  2. L’exchanger comunica un codice da inserire nella causale del bonifico.
  3. Si effettua il bonifico. Essendo verso estero l’accredito avviene in 3 giorni lavorativi.

Una volta che la moneta è stata accreditata presso l’exchanger si può usare per comprare le cryptovalute.

WALLET

Per quanto si possa aver scelto un exchanger affidabile, una volta comprati i bitcoin, non è consigliabile lasciarli presso l’exchanger.

I motivi sono 2:

  • SICUREZZA: proprio per la grande quantità di valuta disponibile i sistemi informatici degli exchanger sono i bersagli preferiti degli hacker.
  • DISPONIBILITA’ DELLA CHIAVE PRIVATA: lasciando presso l’exchanger i bitcoin sostanzialmente si delega la custodia della chiave privata che autorizza le transazioni. Anche se è difficile che un exchanger decida di rubare i fondi dei clienti, vi sono soluzioni che consentono di evitare questo rischio.

Il consiglio, quindi, è di trasferire qualsiasi somma rilevante detenuta in un WALLET personale, che consenta di avere sempre la disponibilità delle chiavi e possibilmente in un formato non connesso ad internet. 
Per trasferire i bitcoin in un wallet persona occorre effettuare una transazione (funzione withdrawal negli exchage) in Bitcoin verso il wallet personale.

Tutti i dati delle transazioni sono contenuti nel database della blockchain e ciò conferisce ai bitcoin la massima trasparenza e sicurezza senza necessità di un ente centrale che controlla le transazioni.

Ciò che consente all’utente di avere la disponibilità del proprio «saldo» è una chiave (cioè un codice alfanumerico) segreto, denominato «Private Key».
 Da questo poi viene ricavata la chiave pubblica, cioè l’indirizzo dei portafoglio (una sorta di IBAN) che deve essere indicato come destinatario in una transazione per trasferire i bitcoin.

In linea di principio, quindi, il proprio portafoglio è costituito dalla chiave privata (52 caratteri alfanumerici). Un algoritmo poi ricava la chiave pubblica, a partire da questa.
 Non c’è modo di ricavare la chiave privata a partire dalla chiave pubblica.

Chi viene in possesso della chiave privata ha la piena ed incondizionata disponibilità dei fondi. Se si perde la chiave privata non c’è alcun modo di recuperare i fondi.

COME CONSERVARE LA CHIAVE PRIVATA

Opzione 1: Le Applicazioni Wallet (online)

Esistono diverse app per smartphone o per pc che consentono di creare le chiavi e di conservarle in un ambiente protetto (per es con PIN o con impronte digitali). Sono: COINBASE, BTC.COM, WALLET BLOCKCHAIN.

Opzione 2: Hardware wallet (off line)

Sono degli hardware (chiavette usb o simili) che al loro interno contengono le chiavi dei propri portafogli. Spesso hanno un sistema di backup con password nel caso in cui si perdesse l’hardware per poter comunque accedere ai fondi. Sono: Ledger Wallet, Trezor, Keepkey.

Opzione 3: Paper wallet (off line)

In sostanza questo metodo consiste nel generare una chiave con un software e poi conservala scritta su carta (o comunque su supporto durevole). Per info: https://walletgenerator.net.

By Consultique. Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo e possono essere soggetti a modifiche. Consultique S.p.A. non deve essere ritenuta responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all’utente e/o a terzi dall’uso dei dati contenuti nel presente documento. Consultique S.p.A. non assume responsabilità in merito al trattamento fiscale degli strumenti illustrati. I pareri espressi da Consultique S.p.A. prescindono da qualsiasi valutazione del profilo di rischio e/o di adeguatezza e sono da intendersi come “Ricerche in Materia di Investimenti” ai sensi dell’art. 27 del Regolamento congiunto Consob e Banca Italia del 29 ottobre 2007 redatte a titolo esclusivamente informativo e non costituiscono in alcun modo prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, il quale richiede obbligatoriamente un’analisi delle esigenze finanziarie e del profilo di rischio specifici del singolo utente/cliente, né costituiscono un servizio di sollecitazione in genere all’investimento in strumenti finanziari.

CRIPTOVALUTE NEWS

By | NEWS | No Comments

PANORAMICA DEL MERCATO

Una settimana di caos nel mondo delle cryptovalute; o almeno per una parte di queste.

A guidare i movimenti sono le notizie dalla comunità di Bitcoin che, a sorpresa, ha deciso di rinunciare all’aggiornamento denominato Segwit2x su cui si sono registrate divisioni fin dall’inizio dell’anno.

Come al solito bruschi movimenti della principale valuta portano non poche reazioni anche in tutte le alt-coin.

Meno coinvolto, invece, Ethereum le cui pecularità rendono la valuta meno speculativa e più concentrata sullo sviluppo.

COSA HA CAUSATO IL CROLLO

Ormai da un anno la comunità Bitcoin sta discutendo su come rendere maggiormente scalabile la cryptovaluta (cioè su come permettere un maggior numero di transazioni sulla rete ormai in fase di saturazione).

A maggio i maggiori player, riuniti a New York, hanno siglato un accordo che prevedeva l’implementazione, in due fasi, dell’aggiornamento denominato Segwit2x. Si tratta di una mediazione tra due visioni contrastanti all’interno della comunità:

una parte dei miners asiatici (cinesi in particolare) ha sempre sostenuto la necessità di aumentare la dimensioni dei blocchi da minare (attualmente limitata ad 1 MB) per poter ospitare un maggior numero di transazioni per blocco.

un’altra parte della comunità, preoccupata che il controllo della rete potesse finire ai grandi miner cinesi, sosteneva la necessità di sviluppare altre soluzioni (ad es. Segregated Witnesses o le Lighting Networks).

Il compromesso prevedeva l’applicazione ad Agosto di un primo aggiornamento (Segregated Witness). Questo primo aggiornamento è stato implementato ma una parte della comunità ha deciso di forkare la blockchain per dare origine a BitcoinCash (che non implementa Segwit ma ha aumentato ad 8 MB la dimensione del blocco).

Intorno alla metà di novembre il secondo aggiornamento di Bitcoin avrebbe dovuto portare a 2 MB la dimensione del blocco tramite un fork della blockchain. Nonostante più dell’80% dei miners segnalasse voler procedere, la diffidenza dei player occidentali (tra cui molti exchanger) hanno costretto la comunità ad annullare il fork.

PIU’ NEL DETTAGLIO

Come abbiamo spiegato nei focus precedenti tutte le transazioni sono inserite in blocchi, che vengono validati dai miners. Tale processo è assolutamente necessario per rendere sicuro il pagamento (evitare che si spendano due volte gli stessi bitcoin ed consentire di non spendere più valuta di quella in possesso).

L’algoritmo originale di Satoshi Nakamoto aveva previsto un limite alla dimensione di ciascun blocco pari ad 1MB. Dato il ritmo di validazione dei blocchi e la dimensione massima, questo significa che la rete può gestire un massimo di 3 transazioni per secondo.

Dato l’incremento di transazioni registrato in questi ultimi anni (… e mesi) dovuto all’interesse verso le valute la rete si è saturata e sono aumentate in misura molto sensibile le commissioni di transazione richieste e si sono dilungati i tempi per avere la conferma dell’avvenuta transazione.

LE SOLUZIONI

La prima soluzione proposta è quella di aumentare le dimensioni di ciascun blocco, in maniera tale che in ogni blocco possano entrare un numero maggiore di transazioni.
Nonostante fosse una soluzione piuttosto semplice e pienamente conforme all’idea originale di Nakamoto la comunità è risultata sempre molto scettica.

In particolare aumentare la dimensione del blocco implica una maggiore centralizzazione della rete verso i miners che hanno già più potere di calcolo (cioè i Cinesi)

Una seconda soluzione è Segwit (Segregated Witness). Si tratta di spostare la «Firma» della transazione in una sezione diversa del blocco. L’effetto complessivo è un aumento a 1,7 MB effettivi della capacità ma, soprattutto, risolve alcuni problemi in vista dell’adozione delle Lighting Networks.

Le Lightning Network sono sistemi per gestire i micro-pagamenti al di fuori della blockchain. Le informazioni verrebbero scritte sulla blockchain solamente per i saldi finali.

Attualmente Segwit consente ben pochi benefici e Lighting Network è ancora un idea lontana dall’adozione ma la comunità bitcoin ha scelto questa strada per mantenere una maggiore decentralizzazione.

LE REAZIONI DEL MERCATO

Le notizie hanno guidato i flussi sul mercato. Al momento dell’annuncio (in una mail di Mike Belshe, CEO di Bitgo alla comunità) Bitcoin ha raggiunto i 7800 dollari, nuovo massimo storico.

Dal tenore della mail, infatti, sembrava che la comunità avesse ritrovato un definitivo accordo con la rinuncia da parte del team «core» al fork per non creare divisioni nella comunità e la disponibilità a lavorare insieme per trovare una nuova soluzione.

Evidentemente ciò non ha convinto fino in fondo la comunità e nemmeno gli investitori che, preoccupati di una paralisi nello sviluppo della rete, si sono riversati in massa sul Bitcoin Cash.

Durante il week end Bitcoin è crollato fino a 5550 dollari, perdendo il 30%, mentre Bitcoin Cash ha guadagnato il 300% circa, sforando anche i 2000 dollari.

Attualmente Bitcoin ha recuperato una parte del suo valore, portandosi intorno a 6500 dollari, mentre Bitcoin cash, ha sostanzialmente dimezzato il valore (1100 dollari).

Le particolarità di questo nuovo mercato fanno si che le soluzioni tecniche, spesso molto complesse, facciano da traino ai movimenti di mercato e soprattutto alle prospettive per il lungo termine. Il dibattito sulla scalabilità di Bitcoin non è certo finito ed ancora non esiste una soluzione. Suggeriamo quindi a chi investe in cryptovalute di acquisire una certa conoscenza tecnica e di seguire il dibattito nella comunità.

Il presente articolo è tratto da Consultique.it. Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell’arte delle conoscenze e delle tecnologie. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo e possono essere soggetti a modifiche. Consultique S.p.A. non deve essere ritenuta responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all’utente e/o a terzi dall’uso dei dati contenuti nel presente documento. Consultique S.p.A. non assume responsabilità in merito al trattamento fiscale degli strumenti illustrati. I pareri espressi da Consultique S.p.A. prescindono da qualsiasi valutazione del profilo di rischio e/o di adeguatezza e sono da intendersi come “Ricerche in Materia di Investimenti” ai sensi dell’art. 27 del Regolamento congiunto Consob e Banca Italia del 29 ottobre 2007 redatte a titolo esclusivamente informativo e non costituiscono in alcun modo prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, il quale richiede obbligatoriamente un’analisi delle esigenze finanziarie e del profilo di rischio specifici del singolo utente/cliente, né costituiscono un servizio di sollecitazione in genere all’investimento in strumenti finanziari.

Partnership con Consultique

By | NEWS | One Comment

Siglata partnership con Consultique.

Per i propri servizi di consulenza finanziaria ed aziendale, Algoat ha scelto un partner d’eccezione.

Consultique Spa è realtà leader in Italia nella consulenza finanziaria “fee only”; da quasi vent’anni svolge attività di family office offrendo servizi di analisi, ricerca, pianificazione patrimoniale e consulenza in materia di investimenti a privati, aziende e investitori istituzionali.

In ottemperanza alla mission dichiarata, Algoat Consulting non poteva esimersi dal selezionare un player che garantisse i risultati ed i valori espressi.

Il supporto di Consultique ci ha consentito la realizzazione di quella che riteniamo la vera Consulenza Finanziaria.

Per approfondimenti: www.consultique.com

Partnership con Eos

By | NEWS | No Comments

Siglata partnership con Eos&Partners.

Per i propri servizi di consulenza aziendale e per interventi di finanza straordinaria, Algoat ha deciso di avvalersi dell’ausilio di un player di indiscussa esperienza e rilievo.

EOS & Partners riunisce e coordina una serie di Professionisti con una lunga esperienza ed elevate capacità professionali, nei principali ambiti aziendali.

EOS & Partners è pertanto capace di accompagnare e sostenere l’Impresa e l’Imprenditore nelle sfide dei mercati globali e nelle sue complesse dinamiche.
Tali dinamiche richiedono risposte articolate che lo stesso team di Eos & Partners, con le sue consolidate competenze (soprattutto nell’ambito della Finanza Straordinaria) è in grado di sostenere, coadiuvando il Cliente sino all’ottenimento del risultato atteso.

Per approfondimenti: www.eospartners.it; www.eospartners.com

Algoat è on line

By | NEWS | No Comments

Benvenuti nel sito di Algoat Consulting.

Una nuova realtà per nuove idee e nuovi scenari in tema di consulenza finanziaria ed aziendale.

Ci auguriamo possiate trovare in noi il partner ideale per le vostre esigenze.